Fare il formaggio in casa dà sempre grande soddisfazione.

Ma fare il Labneh è di una figaggine senza eguali.
Primo perché è spaventosamente buono (l’ultima volta che l’ho fatto me ne sono mangiata ½ kg DA SOLA).
Secondo perché con tutte quelle erbette e spezie colorate si presenta benissimo.
Terzo perché è facile.

Io già vado matta per lo yogurt greco, se poi si trasforma in una saporitissima crema spalmabile homemade …diventa impossibile non amarlo!

E’ diffusissimo in tutto il Medioriente, prende nomi diversi a seconda del paese ma la base è sempre quella: yogurt bianco filtrato e aromatizzato.

E’ un formaggio versatile perché potete usarlo (se non lo salate) anche per preparazioni dolci (labneh + zucchero a velo + cioccolato fondente sciolto, mescolate e avrete una crema golosissima per decorare cupcake).

Questa è la ricetta per ottenere il classico Labneh sott’olio aromatizzato; potete usare le erbe e le spezie che preferite, la mia versione è indicativa ma…. fortemente consigliata! Se poi siete aglio-dipendenti come me, quel pizzico in polvere che ho aggiunto rende la preparazione epica!

Mamma mia quanto mi piace il Labneh!!!!!

Ingredienti per circa 15 palline da circa 15 g l’una

500 g di yogurt greco naturale freschissimo
Bacche di pepe rosa frantumate grossolanamente
Pepe nero in grani frantumato grossolanamente
Pepe bianco in grani frantumato grossolanamente
Rametti di rosmarino fresco
Dragoncello secco
Timo secco
Origano secco
Salvia secca
Aglio in polvere (un pizzico, facoltativo)
Sale
Olio evo

 

In una ciotola mescolate lo yogurt con una presa generosa di sale, quindi trasferite il composto su un doppio strato di garza, io ho usato quella sterile acquistabile in farmacia. Chiudete il formaggio a fagottino e sistematelo dentro un colino sospeso in una ciotola (io l’ho messo appeso all’interno di un vasetto ermetico come nella foto, così rimane più al riparo dagli odori del frigo).

Mettete tutto in frigorifero per 48 ore, cambiando la garza dopo 24 ore. Nel tessuto resterà la parte solida e cremosa dello yogurt, mentre quella liquida cadrà sul fondo.

Ah, se volete utilizzare questo liquido di filtraggio per realizzare dei fantastici pancake, vi consiglio di non salare lo yogurt…potrete aggiungere il sale successivamente all’interno dei vasetti quando andrete a mettere il formaggio sott’olio.

Trascorse le 48 ore prendete il formaggio e riducetelo in palline da 17 g l’una.
Disponetele su un vassoio ricoperto da un doppio (nuovo) strato di garza e ricopritele con un altro doppio (nuovo) strato di garza quindi riponete in frigo per altre 24 ore, in questo modo la garza assorbirà ulteriore umidità e le palline perderanno ancora un po’ di peso fino ad arrivare a circa 15 g l’una.

Trascorse queste ore prendete uno o più barattoli di vetro sterilizzati e con chiusura ermetica e mettete all’interno le palline di formaggio alternandole alle erbe aromatiche, alle spezie e all’aglio (poco), dopodiché versate olio evo fino a coprire completamente il formaggio e chiudete.

Conservate in frigo e consumate il Labneh a partire dal giorno dopo (per dare il tempo agli aromi di rilasciare il loro sapore) e per non più di una settimana, assicurandovi che il formaggio sia sempre ricoperto d’olio evo.

Servite il Labneh fresco accompagnato da pane arabo caldo o semplicemente da fette di pane integrale tostato e…non buttate via l’olio di conservazione aromatizzato, è perfetto per condire l’insalata!

PS: ovviamente dovete tenere a mente la scadenza dello yogurt che deve essere successiva alla conservazione e al consumo del formaggio!

Labneh spalmato sul pane integrale tostato